Area

1920: sulle macerie lasciate dalla guerra, terminata solo due anni prima, l’Italia sente l’esigenza di ricostruirsi un futuro. In questo clima, otto uomini d’affari assecondano il nuovo slancio imprenditoriale organizzando la prima Fiera Campionaria Italiana, con sede a Milano.

Oggi l’intera area, resa nuovamente disponibile, rinasce grazie all’intervento di riqualificazione del quartiere di CityLife, un progetto che l’architetto Daniel Libeskind definisce come “Portale d’Europa”.

Con i suoi 360.000 m2 di superficie complessiva, CityLife costituisce una delle aree di intervento urbanistico più grandi d’Europa, con un mix bilanciato di servizi privati e pubblici. A firmarlo sono tre architetti di fama internazionale, Zaha Hadid, Daniel Libeskind e Arata Isozaki.

Area

CityLife

Le tre torri direzionali costituiscono il centro del Business District di CityLife.
Da sinistra:
Libeskind - 28 piani, 175 metri di altezza
Isozaki - 50 piani, 202 metri di altezza
Hadid - 44 piani, 170 metri di altezza

Attorno ad esse si sviluppa lo Shopping District, una galleria commerciale nella quale negozi e ristoranti si affacciano sul terzo parco urbano di Milano. Gli ampi parcheggi disponibili ai piani interrati confermano la grande ricettività di CityLife, ulteriormente convalidata dai 5 km di piste ciclabili e dalla nuova fermata della metropolitana M5 Tre Torri.

City Life

Torre Libeskind

La Cupola Rinascimentale è l’elemento a cui si ispira il concept della Torre Libeskind. Essa viene reinterpretata attraverso il movimento concavo che si sviluppa in elevazione e la Corona posta sulla sommità, entrambi componenti distintivi del progetto.

Con i suoi 28 piani, distribuiti in 175 metri di altezza, la Torre al piano terra ospita una hall di ingresso di elevata rappresentanza a tripla altezza, direttamente accessibile sia dal livello -1, dove si trovano lo Shopping District e l’uscita della metropolitana M5, sia dal livello superiore della nuova piazza urbana. Nella zona Nord è stato creato un accesso VIP dedicato posto in diretto collegamento con gli ascensori. Al livello inferiore, in continuità con lo spazio pubblico, è presente un’area congressi con tre sale da 50 posti. La zona esterna della lobby è attrezzata con impianti a pavimento affinché possa essere trasformata in area espositiva a servizio del centro congressi o della Torre stessa.

Libeskind Tower

Specifiche tecniche

La parte sommitale della Torre, definita Corona, è caratterizzata da un volume vetrato le cui linee geometriche completano l’andamento sferico alla base del concept architettonico della Torre.
Da un punto di vista funzionale, esso nasconde i volumi delle torri evaporative, gli ingombri degli extracorsa degli ascensori e dei montacarichi e il sistema di accesso e manutenzione della facciata, BMU (Building Maintenance Unit).

Specifiche tecniche

Il Core centrale, occupato da 8 ascensori, suddivisi in due blocchi distinti a seconda dei piani serviti, corpi scale e bagni, garantisce la massima flessibilità per l’utilizzo degli spazi anche in presenza di più conduttori.
Esso è stato studiato in modo da massimizzare l’efficienza del nucleo all’interno del volume della Torre, perseguendo l’obiettivo di ottenere una forma il più possibile compatta e garantendo al contempo flessibilità nell’utilizzo degli spazi.
Il Core si sviluppa per tutta l’altezza dell’edificio ed è organizzato in due blocchi, blocco A e blocco B, simmetrici dal punto di vista della struttura e asimmetrici come dislocazione delle vie di fuga.

Specifiche tecniche

Gli uffici direzionali occupano i piani dal primo al ventottesimo. Il piano ventisettesimo ospita un ufficio su due livelli e una sala conferenze a doppia altezza di estremo impatto. L’accesso alla sala conferenze è controllato da una reception dedicata all’accoglienza e alla registrazione degli ospiti.
La superficie dei diversi piani varia leggermente in relazione allo sviluppo geometrico della Torre: ciò conferisce dinamicità agli spazi, nonostante le aree di lavoro dei diversi piani siano organizzate nella medesima maniera.

Connections

Il nuovo quartiere di CityLife si colloca nel quadrante Nord-Ovest di Milano.

Facilmente raggiungibile tramite i principali assi viari, in quanto ben posizionato rispetto all’autostrada e agli aeroporti, l’area è servita da diversi mezzi di trasporto pubblico, tra cui la nuova linea metropolitana M5, con una fermata chiamata proprio Tre Torri.

L’elemento che caratterizza il progetto è la totale separazione dei flussi veicolari da quelli ciclo-pedonali: i primi completamente interrati mentre i secondi distribuiti all’interno del parco e collegati a percorsi di superficie già esistenti.

Connections

Download

Brochure

Contatti

City Life

Generali Real Estate

Jones Lang LaSalle

Jones Lang LaSalle S.p.A.
Via Agnello, 8
20121 Milano
T. +39 02 8586 861
www.jll.it

Cushman & Wakefield

Cushman & Wakefield LLP
Via F. Turati, 16/18
20121 Milano
T. +39 02 63 799 799
www.cushmanwakefield.com

CityLife S.p.A. 2015 - P.IVA 04128500966 | Credits